ITALY MUSEUM: Biglietti Musei Italiani. Visite Guidate ed Escursioni
Tour Operator Italiano Ufficiale

Alla Scoperta di Palermo

Tutte le Categorie

Biglietti

Alla Scoperta di Palermo: prenota i tuoi biglietti ora!

Aggiungi alla Lista dei Desideri

Complesso della Basilica di Monreale a Palermo - ingresso prioritario

Biglietti

Complesso della Basilica di Monreale a Palermo - ingresso prioritario

Visita il Complesso della Basilica di Monreale con un biglietto prioritario!

  • ingresso prenotato

  • conferma per email

  • Ingresso prioritario

  • voucher elettronico accettato

A partire da 4.00 €

Prenota

Aggiungi alla Lista dei Desideri

Castello della Zisa di Palermo - ingresso prioritario

Biglietti

Castello della Zisa di Palermo - ingresso prioritario

Visita il meraviglioso Castello della Zisa di Palermo!

  • ingresso prenotato

  • conferma per email

  • Ingresso prioritario

  • voucher elettronico accettato

A partire da 4.00 €

Prenota

PERCHÈ VISITARE PALERMO?

Perché Palermo è una città che non stanca mai, la sua bellezza riempie gli occhi e il suo folklore scalda il cuore. Palermo è il luogo ideale per iniziare a conoscere la Sicilia. Palermo è stata una città fenicia, greca e romana, una capitale araba, terra di conquista per normanni, svevi, francesi e spagnoli. Una città che va dall’architettura moresca alle grandi cattedrali, dai mercati rionali alle straordinarie bellezze naturali. Perché Palermo è la città del miscuglio di culture e sicuramente è una delle città d’Italia più poliedriche, che incanta i turisti con specialità culinarie deliziose.

UN PO’ DI STORIA DI PALERMO

Secondo i graffiti della Grotta dell'Addaura, le origini di Palermo sono antichissime, risalgono alla preistoria. In ogni caso, non è possibile stabilire con certezza la sua data di fondazione, ma sappiamo che i Sicani, i Cretesi e gli Elim si sono stabiliti nella zona, cosa che fa pensare a una data che si aggira intorno al 734 a.c, quando i fenici stabilirono una colonia commerciale chiamata Mabbonath, città abitata. Molto presto per i punici la città divenne importante per il commercio, facendo parte del triangolo fenicio grazie alla sua favorevole posizione geografica al centro del Mediterraneo. Il nome della città divenne Zyz, fiore, per la sua particolare forma data dal passaggio di due fiumi.
I greci colonizzarono la Sicilia nell'ottavo secolo a.C. cambiando il nome Zyz in Panormos dal greco Pan (tutto) ed Hòrmos (porto). Questa città come tutte le città fenicie, basava la sua economia sul commercio marittimo. Nel 254 a.C. fu conquistata dai Romani che ne cambiarono il nome al latino Panormus. Con la caduta del l'Impero Romano d'Occidente, la città fu invasa dai Vandali e dagli Ostrogoti che la incendiarono. Nel 535 l'Impero Romano d'Oriente incluse la Sicilia nei suoi territori, ma nell’883 gli Arabi gliela sottrassero ribattezzandola “Balarm” e rendendola la capitale commerciale e culturale del loro regno in Sicilia. Con il subentro dei Normanni la città subì un notevole sviluppo: Palermo divenne un moderno centro culturale e politico con il nome di Balermus. Nel 1097 Ruggero II insediò il primo parlamento siciliano e con il matrimonio fra Enrico VI, figlio dell'imperatore tedesco, e Costanza d'Altavilla, figlia di Ruggero II, iniziò la dinastia degli Svevi che con Federico II arriverà al culmine dello splendore. Dopo la dominazione Sveva seguì quella degli Angioini, che, annettendo la Sicilia alla Campania, spostarono la capitale e il centro politico a Napoli; successivamente arrivarono gli Aragonesi, iniziò così la dominazione spagnola che si concluse nel 1713 quando, con il trattato di Utrecht, la Sicilia passò ai Savoia. Nel 1734 Carlo III di Borbone diventò re di Sicilia e di Napoli scegliendo Palermo per la sua incoronazione.
Dopo di che la città cominciò a crescere e a svilupparsi. Ferdinando II di Borbone sciolse il parlamento nel 1816, dando vita al Regno delle due Sicilie e portando malcontento tra la popolazione che culminò con i moti del 1820. Dopo un'insurrezione popolare, nel 1848, fu ripristinato il parlamento con un comitato presieduto da Ruggero Settimo, che però durò solo 16 mesi, dopo i quali il re Ferdinando IV riprese il potere mantenendolo fino al 27 maggio del 1860, anno in cui Garibaldi entrò a Palermo. Il 3 gennaio del 1861 i siciliani scelsero l'annessione al Regno d'Italia che si sarebbe costituto di lì a breve.

COSA È OGGI PALERMO?

Palermo è il capoluogo della Sicilia, s'affaccia su uno dei più bei golfi del Mar Mediterraneo e conta circa 700.000 abitanti. Palermo è il centro dei commerci più importanti, non solo nell'isola, ma anche con l'Africa e altri Paesi che s'affacciano sul Mar Mediterraneo. Un'isola con secoli di storia e di dominazioni che hanno segnato il suo presente e futuro, città dai mille volti, crocevia di popoli, amalgama culture e tradizioni diverse, semplicemente magnifica.
Palermo ha un valore artistico molto grande e negli ultimi anni è stata impegnata in un progetto di rinnovamento e di rivalutazione turistica che ha conquistato i turisti di tutto il mondo. Palermo è una città sinonimo di arte, mare, buon cibo e magia, insomma: vale la pena di essere visitata.

CURIOSITÀ SU PALERMO

Sapevi che Palermo, alle origini, era lambita da due fiumi? Tra il fiume Kemonia e il Papireto nacque la città di Palermo. Oggi è possibile ammirare nel luogo che fu un tempo il letto del Kemonia, in Via Porta di Castro, una targa dedicata a questo fiume che c’è più.
Sapevi che la bellissima Fontana Pretoria di Palermo viene chiamata la Fontana della Vergogna? Questa opera dello scultore Francesco Camillani, fu inizialmente destinata a Firenze ma alla fine fu spedita a Palermo. Una fontana composta da statue nude che suscitarono, ai tempi, polemiche e pettegolezzi.

COSA VEDERE A PALERMO

Sebbene tutte le città della Sicilia sono meravigliose da Siracusa a Catania, Palermo è la perla della Sicilia e offre una scelta di attrazioni interessante e ricchissima. Palermo è una città meravigliosa, piena di monumenti, chiese e opere d’arte. A Palermo c’è il mare, la bellezza della città, una varietà culturale molto vasta grazie ai popoli che hanno lasciato traccia del loro passaggio e, inoltre, offre una squisita tradizione culinaria. Ti consigliamo di includere, nel tuo itinerario, alcune delle attrazioni principali, come:
Il Complesso della Basilica di Monreale, sicuramente uno tra i più bei esempi di come l’arte riesca ad entrare in sintonia con il cuore dell’uomo. La cattedrale di Santa Maria Nuova è la chiesa principale di Monreale, nella città metropolitana di Palermo. Fu costruita per volere di Guglielmo II d'Altavilla, re di Sicilia a partire dal 1174 ed è famosa per suoi ricchi mosaici bizantini.
Il Castello della Zisa, uno dei monumenti più rappresentativi del periodo arabo-normanno a Palermo. Sebbene la sua costruzione fu commissionata da re normanni, l’architettura di questo palazzo ha una impronta araba, anche se nei secoli ha subito alcune modifiche. Il 3 di luglio del 2015, il castello della Zisa è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
Il Museo Salinas, risale alla fine del XVI secolo ed è sede di una delle più ricche collezioni d’arte punica e greca d’Italia. Questa struttura fu confiscata nel 1866 e, in seguito alla legge sulla soppressione degli ordini religiosi, fu trasformata nel Museo Archeologico Regionale.
Il Teatro Massimo Vittorio Emanuele è il più grande teatro lirico d’Italia ed il terzo d’Europa, sorge nell’attuale piazza Verdi. Ha una struttura in stile neoclassico-eclettico che ricorda le forme dell’architettura classica, con la sua celebre scalinata, le colonne con capitelli corinzi, il porticato e la grande cupola metallica.
Raggiungere Palermo non è difficile e neanche troppo costoso: puoi prendere una delle varie compagnie aeree low-cost e raggiungerla in circa un’ora partendo sia da Napoli che da Roma. Puoi anche arrivare a Palermo in treno, in nave, in auto o se preferisci anche in pullman.

La Sicilia Nascosta: Attrazioni